Il 25 novembre è la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ricorrenza istituita nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica su un fenomeno di portata globale che rappresenta una delle più gravi violazioni dei diritti umani, che non conosce regole culturali , sociali o territoriali, ma che rappresenta la prima causa di morte nel mondo tra le donne in età riproduttiva. 

In Italia circa 7 milioni di donne dichiarano di essere state vittima, nel corso della propria vita, di episodi di violenza fisica e/o psicologica. Oltre il 60% dei casi sono commessi dal partner o dall’ex partner. 

La violenza non è un virus, ma uccide quotidianamente 88 donne. 

1 donna ogni 15 minuti subisce violenza (maltrattamenti, percosse, stalking, violenza sessuale)

Durante il lockdown le telefonate al 1522, numero nazionale antiviolenza e stalking, hanno registrato un aumento del 73% in più rispetto allo stesso periodo dello stesso anno. Non tradotte in denunce.

Le vittime di violenza rinunciano infatti a rivolgersi alle autorità per paura di ritorsioni verso loro stesse e dei loro cari.

Resisti solo quando serve 

 

DIRE  NO ALLA VIOLENZA é UN DOVERE DI TUTTI 

Ci sono pesi che non si possono sollevare ma che puoi alleviare

#STOPALLAVIOLENZASULLEDONNE #25NOVEMBRE #FUSCOFIT #BEBETTER